Categorie

Capi militari in Egitto: abbiamo la cura contro HIV e altri pericolosi virus

General Abdel Fatah el-Sisi, sitting down

I capi militari egiziani hanno perso credibilità dopo che l’ingegnere capo dell’esercito ha presentato i “miracolosi” dispositivi in grado di rilevare e curare l’AIDS, l’epatite e altri virus.

In seguito a questa dichiarazione, l’immagine dell’esercito egiziano ha subìto un duro colpo, in quanto la notizia è stata respinta dagli esperti di tutto il mondo ed è stata considerata a dir poco “scioccante” per gli scienziati.

Abdul Fattah al-Sisi, comandante generale delle forze armate e ministro della Difesa dal mese di agosto 2012, ha giocato un ruolo determinante nella caduta del presidente islamico Hosni Mubarak, a seguito di un’ondata di protesta popolare, ed ora concorrerà alla presidenza.

La presentazione televisiva sui dispositivi “apparentemente” inconcepibili, ha sollevato grandi preoccupazioni, in quanto si pensa che questo possa portare nuovamente l’Egitto sotto un governo autoritario.

Il colonnello Ahmed Mohammed Ali, portavoce militare, dopo la presentazione televisiva ha dichiarato sulla sua pagina facebook che c’è stato un rilevante progresso scientifico nell’invenzione dei dispositivi di rilevamento da parte delle forze armate.

Il brevetto è stato depositato sotto il nome di “Agenzia dell’Ingegneria delle Forze Armate”.

egitto-aids-rimedio

Lo scrittore Hamdi Rizk ha notato che il video di presentazione è stato virale sui social-network, tweet e blog, ma che i commenti sono stati tutt’altro che positivi, definendo “sciocca” la mossa del maresciallo, in quanto ha messo in pericolo la reputazione dell’esercito egiziano.

Massimo Pinzani, professore di medicina e epatologia clinica, nonché dell’Istituto UCL per il fegato e la Digestive Health presso l’University College di Londra, ha detto che ha partecipato durante una permanenza in Egitto, ad una dimostrazione dei dispositivi, ma che in quell’occasione non gli sono state fornite spiegazioni convincenti sulla tecnologia e che non gli è stato permesso di “verificarle” su se stesso.

Il professor Pinzani ha inoltre dichiarato in una email inviata a Associated Press, nota agenzia di stampa internazionale, quello che segue: “Così come attualmente viene proposto il dispositivo, potrebbe essere considerato una frode, in quanto non ha alcuna base tecnica e scientifica convincente e la ricerca non è stata pubblicata in nessuna rivista rispettabile”.

Il culmine c’è stato quando un consigliere scientifico del presidente ad interim Adly Mansour ha denunciato il progetto definendolo “senza alcuna base scientifica”. Ha aggiunto inoltre che ciò che è stato detto e pubblicato dalle forze armate danneggia l’immagine degli scienziati e della scienza in Egitto e nel mondo.

egitto-aids-militari-cura

Al contrario, il maggiore generale Taher Abdullah, capo del progetto “Agenzia dell’Ingegneria delle Forze Armate”, ha definito questi dispositivi come una “sorprendente invenzione scientifica miracolosa”.

Abdullah ha spiegato che 2 dei dispositivi denominati C -Fast e -Fast usano l’elettromagnetismo per rilevare Aids, epatite e altri virus, senza prendere campioni di sangue, mentre il terzo, denominato dispositivo completo Cure, agisce come unità di dialisi per purificare il sangue.

Gamal Shiha, capo di uno dei centri medici più importanti dell’Egitto, ha lavorato fianco a fianco con i militari ed ha mostrato la sua rabbia per l’annuncio “affrettato” del maggiore generale Abdullah, aggiungendo che solo uno dei dispositivi (il C –Fast) è stato sottoposto a dei test approfonditi.

Shiha ha dichiarato che la C -Fast usa frequenze elettromagnetiche simili a quelle usate nei rivelatori di bombe e radar, è stato testato su più di 2.000 pazienti con un alto tasso di successo. Ha aggiunto: “la tecnologia C -Fast è senza dubbio efficace, ma le affermazioni riguardo l’individuazione e la cura di Aids e virus degli altri due dispositivi sono false”.

Nonostante lo scetticismo, il portavoce del Ministero della Salute Mohammed Fathallah, ha dichiarato che il Ministero riconosce legittimi i dispositivi. L’ex ministro della Sanità egiziano Amr Helmi, chirurgo di professione, ha dichiarato che il dispositivo C -Fast era già stato approvato dal Ministero due anni fa, ma che non aveva mai sentito parlare di altri due dispositivi.

Il clamore della notizia si fonde all’incertezza già accumulata in anni di ribellioni e fallimenti.

Fonte: http://www.theguardian.com/world

 

E se ti dicessi che il Virus dell’Hiv non esiste? E se non fosse altro che UNA DELLE PIU’ GRANDI MENZOGNE RACCONTATE ALL’UMANITA’ ? Vuoi scoprire tutte le bugie ed illusioni che ti stanno nascondendo e non ti permettono ancora di vivere una vita sana e felice? Guarda il VIDEO LIBRO GRATUITO più scaricato del web

saltoquantico Daniele Penna

Finalmente il Primo Master completo di PNL gratuito online

<

Il video più visto su youtube per riaprire il tuo Terzo Occhio e sviluppare la tua intuizione

Daniele Penna rende pubblico il proprio Whats App per potergli porre le tue domande... Guarda il video

Vuoi comprendere come mai la tua vita non è come la desideri e perchè le cose ti vanno storte? Ecco uno dei video di Risveglio più importanti

In questa sezione riportiamo una serie di libri consigliati per la propria crescita personale. Cliccandoci potrai acquistarli direttamente ai prezzi migliori del web.

Risveglio, Fisica Quantistica, Legge d'Attrazione

 

PNL Programmazione Neuro Linguistica

 

Denaro e Mentalità Finanziaria

 

Salute e Guarigione